Pulizia dei denti: la guida definitiva

Non sei soddisfatto dei tuoi denti? In questa guida scoprirai come fare la pulizia dei denti a casa o dal tuo dentista e avere finalmente una dentatura sana e robusta: carie e placca saranno soltanto un brutto ricordo!

Innanzitutto dobbiamo distinguere due tipi di pulizia dei denti: quella di “routine” che viene effettuata giorno per giorno quando ci laviamo i denti con spazzolino, dentifriocio, filo interdentale e colluttorio mentre la pulizia professionale (chiamata anche detartrasi professionale) è quella praticata dal medico dentista con appositi strumenti che permettono di pulire i denti in modo più efficace, molto più a fondo di quanto riesca a fare un normale spazzolino. Prima di andare a vedere in cosa consiste la pulizia dei denti professionale e quanto costa, vorrei darti alcuni consigli per mantenere una buona igiene orale a casa e avere un sorriso smagliante riducendo la frequenza di visite e sedute dal proprio dentista.

pulizia dei denti

Come ho sempre detto, i migliori alleati dei tuoi denti sono lo spazzolino, dentifricio, il filo interdentale e il colluttorio che, usati tutti e 4 insieme permettono di ottenere un’eccellente pulizia dei denti “fai da te” (ricordati di usare il colluttorio solo per certi periodi di tempo perchè se viene usato sempre, potrebbe rovinare lo smalto dei denti) e ridare ai tuoi denti quello splendore di un tempo. Ecco allora alcuni consigli che possono aiutarti:

– Usa lo spazzolino e il dentifricio almeno 3 volte al giorno, soprattutto subito dopo i pasti per evitare il deposito di batteri e altre sostanze che vanno a formare la placca nelle fessure presenti tra i nostri denti.

– Utilizza uno spazzolino con setole resistenti (meglio quelle semi-morbide rispetto a quelle dure) per una migliore pulizia infradentale.

– Non acquistare dentifrici di marche “scadenti”: lo so, risparmiare qualche euro fa sempre comodo, però qui è in gioco la salute e, un’investimento sulla propria salute, è sempre un buon investimento! Cerca quindi di acquistare un dentifricio di qualità e che abbia tutti le sostanze necessarie per una buona igiene orale.

– Non utilizzare perennamente dentifrici con proprietà sbiancanti perchè nel lungo periodo potrebbero rovinare la dentina e indebolire i tuoi denti. Alterna quindi questo tipo di dentifricio con uno più “soft“.

– Cerca di passare il filo interdentale una volta al dì, e non trascurare le fessure più difficili da raggiungere perchè è proprio li che si depositano batteri e placca e possono causare infiammazioni e problemi non indifferenti.

– Fare dei cicli di risciaqui giornalieri con il colluttorio, scegliendone magari uno che contiene il fluoro, per disinfettare interamente il cavo orale e avere un alito sempre fresco e pulito. Anche questo aiuta a combattere la formazione di placca e a cacciare i batteri che si accumulano su gengive e denti.

– Nel caso in cui hai bisogno di una migliore pulizia, puoi scegliere uno spazzolino elettrico che riesce a contrastare ancora più a fondo la formazione della placca rispetto ad un normale spazzolino.

Se adotterai tutti questi accorgimenti con regolarità, sono sicuro che otterrai degli ottimi risultati e finalmente potrai dimenticarti di quelle brutte carie o della placca che oltre a causare problemi a livello estetico, può favorire la proliferazione di batteri e infezioni.

Non sempre però la pulizia de denti “fai da te” è sufficiente per eliminare interamente placca, tartaro e batteri presenti all’interno del nostro cavo orale e in questi casi conviene rivolgersi al proprio medico dentista per effettuare una pulizia professionale e mantenere la dentatura sana evitando così la formazione di carie o altre malattie. Infatti, l’igiene orale che ogni persona effettua con i prodotti citati prima, potrebbe comunque lasciare molti residui di cibo, sopratutto in quelle zone difficilmente raggiungibili con un normale spazzolino o il filo interdentale (specialmente sotto la gengiva). Quando questi residui rimangono per un lungo periodo incastrati tra le fessure dei denti, subiscono un processo di mineralizzazione che porta alla formazione del tartaro e, a questo punto, è quasi impossibile rimuovere questa sostanza con i prodotti che usiamo per la nostra igiene orale. Ecco allora che la detratarsi professionale viene in nostro aiuto.

Perchè rivolgersi ad un dentista per una pulizia professionale?

Effettuare una pulizia dentale da un dentista può portare molti vantaggi perchè oltre ad assicurare una rimozione completa delle sostanze presenti nel cavo orale, rende i denti sani e riduce il rischio di malattie gengivali o carie nel lungo termine. Ecco alcuni motivi per richiedere al proprio medico questo trattamento:

– Pulizia completa da tartaro, placca e batteri nelle fessure più difficili da raggiungere;

– Favorisce lo sbiancamento dei denti;

– Evita la formazione di infiammazioni gengivali;

– Rafforza l’apparato masticatorio;

– Previene la formazione di tartaro e placca;

– Rimedio molto efficace contro l’alitosi.

Quindi ti consiglio vivamente di rivolgerti al tuo dentista per un controllo generale sullo stato di salute dei tuoi denti e decidere insieme se è il caso di effettuare questo tipo di operazione.

pulizia professionale costo

Ogni quanto devo effettuare la pulizia professionale dei denti?

Di norma, i dentisti consigliano di sottoporsi ad una pulizia dei denti professionale semestralmente (ogni 6 mesi) o comunque almeno una volta all’anno. Per chi invece è affetto da infiammazioni orali o altri casi di malattie, dovrebbe essere effettuata ogni 3 mesi. Inoltre è consigliato effettuare anche una visita di controllo sullo stato di salute della propria dentatura per cercare di contrastare infezioni e carie sul nascere.

Questo trattamento provoca dolore?

La pulizia professionale non è generalmente dolorosa e viene effettuata senza dover ricorrere ad anestesia (eccetto alcuni casi in cui il paziente soffre di eccessiva sensibilità dentinale). Il paziente infatti riesce tranquillamente a sopportare l’operazione ma potrebbe provocare dei piccoli fastidi quando si vanno a scalfire le placche più resistenti che si formano nelle zone più difficili da pulire. Proprio per limitare il più possibile la formazione di placche più robuste, si consiglia di sottoporsi a questa operazione almeno una volta all’anno.

Come viene eseguita dal dentista la pulizia professionale?

Normalmente, la pulizia è suddivisa in più step che permettono una totale rimozione di tartaro e placca e un miglioramento del 110% dell’intera igiene orale. Ecco i passaggi principali:

1) Tramite strumenti professionali e sterilizzati che ruotano molto velocemente, il dentista comincia a rimuovere le incrostazioni di placca e tartaro nelle fessure più isolate, dove molto probabilmente si vengono a formare accumuli più robusti.

2) Per effettuare un’operazione più precisa, il dentista utilizzerà uno strumento d’acciaio dotato di punta affiliata, chiamato anche curette, per rimuovere il tartaro che la prima operazione non è riuscita ad eliminare.

3) Vengono rimosse tutte le macchie presenti sulla dentatura con un prodotto professionale che scioglie le sostanze accumulate con il cibo, bevande o fumo che consumiamo nella nostra routine. Questa operazione rimuove solo le macchie superficiali ma se vuoi ottenere uno sbiancamento migliore devi affidarti a prodotti sbiancanti o una seduta professionale di sbiancamento dei denti (bleaching).

4) I denti vengono lucidati.

5) Viene applicata una mascherina con il fluoro per che aiuta a rinforzare la dentatura e prevenire la nascita di infiammazioni e carie.

6) Risciaquo generale con acqua o colluttorio dell’intero cavo orale per rimuovere eventuali residui rimasti all’interno della bocca dopo l’operazione di pulizia professionale.

Una volta conclusa l’operazione, i dentisti consigliano di non assumere cibo o bevande zuccherate per almeno un’ora. Inoltre, si consiglia di tenere una rigida igiene orale nei giorni successivi per non rendere vano tutto il lavoro di pulizia.

Quanto costa la pulizia dei denti?

Il costo per la pulizia dei denti professionale non è esageratamente elevato: si aggira intorno ai 60 € ma può arrivare anche a 100 € in casi particolari (stabiliti dal dentista). A mio parere, tenendo conto di quanto questo trattamento influisce positivamente sulla dentatura, non è un’operazione così dispendiosa e come ho detto prima, investire sulla nostra salute è uno dei migliori investimenti che possiamo fare, non pensi?

Questa era la mia guida sulla pulizia dei denti! Spero che possa tornarti utile!

Forse sei interessato anche a:

Come sbiancare i denti: i consigli più efficaci

Come sbiancare i denti con rimedi naturali

Dente del giudizio: estrazione e rimedi efficaci

Salva